SANGALLI SPA: INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOSTENIBILITA’ PER IL SUO PARCO MEZZI

Gli ultimi acquisti sono una mini-pala con sistema di livellamento piani Spektra (laser rotativo orizzontale adatto a lavori in esterno come livellamenti, controllo quote, battitura dei piani e inclinazioni), un rullo da 140 quintali per l’asfalto, un escavatore completo di centralina Mobilsat e attacco rapido, una vibrofinitrice cingolata con stesa da 3 metri e larghezza massima di 8 metri ed un bilico per il trasporto eccezionale a 3 assi: il parco mezzi di Sangalli Spa raggiunge, con i nuovi ingressi, quota 182, confermando i costanti investimenti dell’azienda nell’accrescere la disponibilità di dispositivi sempre più performanti in termini di operatività e rispetto dell’ambiente. “Avere a disposizione macchinari sempre più innovativi – spiega Claudio Donghi di Sangalli Spa – ci consente di affrontare commesse strutturate o particolarmente complesse con maggiore efficacia, garantendo un intervento sempre più mirato. Il nostro parco mezzi è indubbiamente uno dei nostri fiori all’occhiello, perché nel suo interno annovera vettori altamente tecnologici che consentono all’operatore la massima autonomia nello svolgere la propria attività, rimanendo però sempre connesso con l’azienda”.  Autocarri, rimorchi, semirimorchi, escavatori gommati e cingolati, frese, rulli, pale, carrelli elevatori, finitrici e vibrofinitrici divengono così a loro volta emblemi delle scelte operate da Sangalli Spa in materia di crescita&sviluppo. “Avere mezzi tecnologicamente all’avanguardia ci consente di fornire un servizio altamente qualificato e, soprattutto, di tenere sotto controllo l’impatto sull’ambiente. Non da ultimo, offre ai nostri collaboratori la possibilità di accrescere la loro professionalità richiedendo, il loro impiego, anche una formazione mirata”, conferma Marco Sangalli, titolare dell’omonima azienda. Azienda che non limiterà il proprio parterre a oltre 180 mezzi. “Siamo in attesa dell’arrivo di un autocarro a 3 assi con gru che andrà a completare la divisione autocarri, già particolarmente strutturata”, conclude Donghi che sottolinea la vocazione alla sostenibilità dell’impresa di Mapello ricordando che “abbiamo scelto come auto aziendali delle vetture elettriche, cosi da limitare al massimo l’incidenza sull’habitat e abbiamo installato delle colonnine per la loro ricarica sia interne che esterne all’azienda. Una scelta coerente con altri allestimenti green come, ad esempio, i pannelli fotovoltaici recentemente installati che ci consentono di avere una buona autonomia energetica”.